LEONARDO e VIGEVANO

Incontro con Pedretti a Vigevano

Sabato 4 settembre alle ore 18 presso l'Auditorium San Dionigi di Vigevano


CONVERSAZIONE DI CARLO PEDRETTI SU LEONARDO DA VINCI


Carlo Pedretti è titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles di cui dirige il centro Hammer di Studi Vinciani, con sede italiana presso Urbino.

 

Leonardo e Vigevano: i numeri del successo

107.980 visitatori, per una media giornaliera di 453 persone, 464 visite guidate, 562 ritagli stampa, sono solo alcuni dei dati che caratterizzano le due iniziative espositive 'Il laboratorio di Leonardo. I codici, le macchine e i disegni' e 'Splendori di corte. Gli Sforza, il Rinascimento, la Città', ospitate dal Castello Visconteo-Sforzesco

Sulle tracce di Leonardo, Vigevano sta vivendo un nuovo Rinascimento.

In particolare, le esposizioni che hanno posto la figura del genio di Vinci al centro del proprio progetto scientifico, hanno condotto la città all'interno del circuito delle grandi mostre.

Tra i tanti indicatori che possono misurare il successo di un'iniziativa d'arte si possono facilmente individuare il numero degli ingressi, quello dei gruppi organizzati, delle visite guidate, dei laboratori per le scuole, dei ritagli della rassegna stampa.

In particolare, le due mostre 'Il laboratorio di Leonardo. I codici, le macchine e i disegni' (13 settembre 2009 - 5 aprile 2010) e 'Splendori di corte. Gli Sforza, il Rinascimento, la Città' (3 ottobre 2009 - 13 giugno 2010) hanno visto affollare le sale del Castello Visconteo da 107.980 persone, per una media giornaliera di 453.

Interessante è il dato di affluenza dei gruppi e delle scuole; oltre al naturale bacino d'utenza locale e della Lombardia, prossimo al 50%, le mostre hanno attratto pubblico dal Piemonte, dall'Emilia Romagna, dal Veneto, dalla Liguria, dalla Toscana e persino dalla Sardegna.

Numerose sono state le visite guidate - 646 - tutte realizzate da i ragazzi del territorio vigevanese e della provincia pavese.

I progetti scientifici sono stati gratificati, inoltre, dall'ampio gradimento delle scuole, 200 delle quali hanno usufruito dell'offerta combinata di visita guidata abbinata ai laboratori didattici.

Una rilevante cartina di tornasole circa l'apprezzamento delle operazioni espositive, sono i dati provenienti dalla rassegna stampa. I 2 volumi presentano 562 ritagli di testate di giornali quotidiani, di periodici, generalisti o di settore, di agenzie stampa, di radio e televisioni, e dei nuovi media legati a una veicolazione via internet.

La comunicazione è stata diffusa in tutta Italia e il riscontro è stato molto positivo. Le mostre, infatti, sono state recensite e segnalate da organi di stampa quotidiani nazionali, quali il Correre della Sera, La Repubblica, Il Giornale, Il Sole 24 ore, QN e altri; sono state inoltre lo spunto per trasmissioni televisive della Rai, come Bell'Italia, Voyager, Sì viaggiare, Rai Sat Ragazzi, ma hanno ricevuto attenzione da un panorama eterogeneo di riviste: da Panorama a Topolino, da Qui Touring a Playboy.